Blogger per un giorno – 6) I menhir dei Vestini Cismontani

Questo post mi sembra particolarmente ben riuscito: si apre con una domanda che trascina subito il lettore all’interno del testo, contiene l’elemento personale e al tempo stesso fornisce un’informazione archeologica chiara e completa. 

Chi di voi ha avuto la preziosa occasione di poter visitare Il Parco Archeologico della Necropoli di Fossa vicino L’ Aquila?

É un privilegio per pochi, lo ammetto, se si considera il lungo e complesso iter burocratico che bisogna seguire per poter ricevere il nulla osta. Perseveranza e caparbietà, però, a volte premiano e così, dopo un lungo periodo di attesa, finalmente la Soprintendenza Archeologica dell’ Abruzzo ha aperto le porte per gli addetti ai lavori. Sotto il caldo sole di giugno, io ed i miei colleghi archeologici, storici dell’ arte ed architetti, abbiamo potuto visitare la “Città dei morti più monumentale d’ Abruzzo”, come recita il cartellone di benvenuto.

Vista Panoramica della Necropoli di Fossa (Foto di Raffaella Claudia Mele)

Vista Panoramica della Necropoli di Fossa (Foto di Raffaella Claudia Mele)

Siamo alle pendici dei rilievi del Parco Naturale Regionale Sirente-Velino, sulla riva settentrionale del fiume Aterno e in pieno territorio aquilano. La Necropoli è stata rinvenuta, in maniera casuale, durante l’ estate del 1992, in seguito alla rimozione del terreno per la realizzazione di impianti industriali. Per verificare la reale entità della scoperta, la Soprintendenza abruzzese fece seguire ad una prima fase di indagine, importanti campagne di scavo durate tutti gli anni Novanta (dal 1995 al 1999). Sino ad oggi sono state portate alla luce circa 500 sepolture, in un’ area esplorata di oltre 2000 mq, cronologicamente distribuite fra il IX sec. a.C. e il I sec. a.C. Grazie alla sua lunga storia, gli archeologi sono stati in grado di ricostruire le varie fasi di esistenza della comunità che la utilizzò per tutto questo tempo, comunità che si identifica con l’etnia che le fonti storiche in generale ci dicono abitante di questi territori: i  Vestini Cismontani, ovvero “al di qua del monte”, intendendo il Gran Sasso. I loro insediamenti erano collocati sulla cime dei monti e adeguatamente fortificati con mura, porte e fossati. Alle pendici di questi sorgevano le necropoli.

Tomba a Tumulo (Foto di Raffaella Claudia Mele)

Tomba a Tumulo (Foto di Raffaella Claudia Mele)

Attraversando il Parco, resto affascinata dalla vastità e dalla preziosità del sito: il terreno è costellato da numerose tipologie funerarie appartenenti a differenti tipologie e periodi storici. Tumuli e fosse “terragne” dell’ età del ferro,  fosse semplici dell’ età orientalizzante ed arcaica, tombe a camera dell’ età ellenistica.

Sicuramente tra queste, la struttura funeraria che più stimola la curiosità dei visitatori, è rappresentata dal “tumulo d’ abruzzo”: una struttura circolare il cui diametro medio è compreso tra otto e quindici metri. Realizzati con cospicui ammassi di terra e sassi, a volte ricoperti da uno strato di pietrame, sono racchiusi da una “corona” di lastre infisse orizzontalmente nel terreno (definita tecnicamente “crepidine”).

Nel caso di tombe di maschi, alla crepidine che circondava i tumuli si associava un allineamento di pietre lunghe e strette, veri e propri menhir, infisse anch’esse nel terreno, in numero variabile e di dimensioni differenti, disposte in maniera decrescente dall’interno verso l’esterno. La stele più vicina al tumulo era inclinata verso di esso, appoggiata alle pietre di marginatura.

Cosa possono rappresentare questi menhir?

Una funzione astronomica-calendariale?

Una sintesi allegorica della vita umana?

Le ipotesi e le interpretazioni su questo segno sono numerose e ancora aperte.

E mentre la curiosità e il sapere scientifico degli studiosi continua ad elaborare teorie e a fornire letture storiche, i turisti e gli studenti continuano a conservare l’ immagine e il mistero di questa nuova “stonehenge”.

Raffaella Claudia Mele

Blogger per un giorno – 6) I menhir dei Vestini Cismontaniultima modifica: 2015-07-08T23:03:57+00:00da maraina81
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento